Segnalazioni bibliografiche

Il benessere nelle emozioni. Manuale del Metodo biosistemico 

Friday, September 07, 2012

"Il benessere nelle emozioni, il manuale del metodo biosistemico" degli psicoterapeuti Eugenio Roberto Giommi e Stefano Cristofori (edizioni la meridiana, collana premesse, pp. 248, Euro 20,00) offre una ricca panoramica sul complesso lavoro dell’“ascolto profondo”.
Sono tanti i campi di applicazione del counseling biosistemico: può aiutare una donna oppressa nel percorso di indipendenza o una persona in punto di morte come cura palliativa domiciliare. Può servire a un educatore confuso che abbia a che fare con un adolescente “difficile” oppure al conduttore di una riunione di lavoro. È molto utile persino in ambito sportivo.
Il principio alla base del testo, dice Jerome Liss, è che c’è un terreno interiore di esperienze, emozioni e pensieri che si ripetono e che creano la sofferenza. In che modo è possibile comprendere la diversità e il grande numero di elementi del gomitolo di esperienza? Il protagonista dell’ascolto srotola pensieri ed emozioni con la speranza di uscire da un incubo fatto di paura, rabbia, amarezza, confusione. L’ascoltatore prova a integrare le diverse componenti per comprendere meglio come aiutare chi ha di fronte. Tutti i metodi della “psicologia della profondità” (psicanalisi, Gestalt terapia, terapia psicocorporea, analisi dei sogni, eccetera) propongono un’ipotesi di lavoro comune: accedere internamente nella profondità dell’esperienza e condividere questa profondità, “scavare dentro” per portare in superficie ciò che è nascosto. Tutto questo è diverso dall’approccio di “positività” che cerca di incollare subito sull’esperienza di sofferenza una prospettiva o un atteggiamento di positività. L’approccio della profondità, spiega Liss, propone che un confronto diretto con la sofferenza possa produrre chiarezza e un certo sollievo. Dopo questo sollievo, sarà vantaggioso esplorare “la positività” di azione, atteggiamento ed emozione.

AUTORE: Eugenio Roberto Giommi e Stefano Cristofori
EDITORE: La Meridiana
 

The Mystery of Social Work 

Wednesday, August 29, 2012

Alla ricerca del senso del lavoro di operatori sociali: è questo l’intento del presente saggio, edito in formato bilingue (inglese e italiano). L’occasione è stata fornita dal processo di revisione della Definizione Ufficiale approvata a Montréal nel 2000 dalle principali Organizzazioni rappresentative del Social Work internazionale (IASSW e IFSW).
Il testo ha l’ambizione di andare alla radice del «mistero» che da sempre caratterizza il Lavoro Sociale, vale a dire la difficoltà a concettualizzarne l’essenza in poche e semplici parole. Mentre per tutte le altre professioni (sanitarie soprattutto) è intuitivamente chiaro di che cosa si occupino, per il Lavoro Sociale non è mai stato così. La Teoria relazionale è usata come chiave di lettura illuminante, non solo per mettere in risalto le ambiguità e qualche limite concettuale dell’attuale Definizione, ma soprattutto per suggerire spunti utili in vista di possibili formulazioni alternative.

AUTORE: Fabio Folgheraiter
EDITORE: Erickson

Identità alla deriva. Vuoto di sé e vuoto di relazione nel tempo del “tutti connessi” 

Sunday, August 19, 2012

Identità alla deriva. Vuoto di sé e vuoto di relazione nel tempo del “tutti connessi” (edizioni la meridiana, collana premesse, pp. 128, Euro 16,00) raccoglie spaccati di vite raccontate dal punto di vista di un terapista, l’autrice Maria Luisa Verlato, di cui ne descrive i tratti talvolta alienanti, le incertezze e la “nuova sofferenza” di esistenze che, sempre più spesso, vivono in uno stato di “connessione” anziché in “relazione”. In un contesto cioè sempre più orientato all’egocentrismo, alle relazioni virtuali e “senza impegno, più facili da instaurare e rottamare”.
L’autrice esprime delle valutazioni volte alla comprensione e alla cura delle nuove forme di disagio. «Saper cogliere le Identità alla deriva – spiega – vuol dire proprio impegnarsi a capire con tempestività ciò che può sfuggire, sia in terapia che in altri contesti». Fondamentale è l’agire preventivo, «focalizzato a far conoscere stili relazionali sicuri o insicuri a quanti lavorano con le donne in gravidanza o con i bambini, o a chi lavora in contesti educativi sanitari, sociali o politici», con l’obiettivo di ridurre le incidenze di modalità relazionali patologiche per provare a modificarle e per costruire relazioni sicure, quando possibile.
Dall’autoreferenzialità alle relazioni svuotate, all’assenza di empatia, questo libro apre uno scorcio su una nuova condizione di sofferenza delle nuove generazioni di giovani adulti, ma anche sul lavoro che in terapia si può fare, avviando un processo di “alfabetizzazione delle emozioni” per cercare di colmare il “vuoto delle coscienze”. Identità alla deriva parla di questo sforzo e dell’importanza della cura, dell’aiuto che, scrive l’autrice, “è nel legame”.

AUTORE: Maria Luisa Verlato
EDITORE. La Meridiana

Lavorare con le famiglie nella tutela minorile. Il modello delle Family group conference 

Saturday, August 11, 2012

Nell’ambito della tutela minorile, tutti sono d’accordo sull’importanza del lavoro con i genitori, i parenti e le persone significative per il minore, ma per realizzarlo ci sono pochi strumenti di sperimentata efficacia. Questo libro mette a disposizione degli addetti ai lavori una proposta innovativa concreta, ampiamente diffusa a livello internazionale, ma pressoché sconosciuta in Italia: il modello delle Family group conference. L’autrice, dopo una significativa esperienza di lavoro come assistente sociale nei servizi di tutela minorile italiani, ha studiato le Family group conference sul campo, in Gran Bretagna. Ciò le consente di presentarci il modello «dal vivo», secondo un’ottica applicativa agganciata al contesto italiano.
Il volume spiega nel dettaglio cosa sono le Family group conference e come funzionano, in quali ambiti possono venire impiegate, come promuoverne l’utilizzo, formare gli operatori e attivare un servizio che le organizzi. Nel testo si trovano anche utili materiali operativi (griglie, schede, checklist, ecc.) tradotti e adattati alla realtà del nostro Paese. Sul piano teorico-metodologico, il modello viene collocato nel quadro dell’approccio relazionale di rete.

AUTORE: Francesca Maci
EDITORE: Erickson

Educare il cuore. Strategie per una comunità che si prende cura delle nuove generazioni 

Friday, August 10, 2012

Educare il cuore. Strategie per una comunità che si prende cura delle nuove generazioni di Mario Polito, nuova edizione delle meridiana (collana partenze, pp. 172, Euro 18,50), parte da alcune piccole considerazioni dell’autore, psicologo e pedagogista: «Spiegatemi perché a scuola si debba formare solo la mente e non il cuore. Perché questa riduzione? Perché questa lacuna? Perché questa indifferenza verso l’intelligenza del cuore? A cosa serve conoscere molte nozioni di tipo scientifico e letterario e non conoscere niente delle emozioni del proprio cuore? A che serve studiare tanto e poi non saper leggere le emozioni degli altri?».
La risposta a questi interrogativi è un metodo di lavoro – rivisto e ampliato rispetto alla prima edizione del 2005 – che mette in gioco gli insegnanti, i genitori, la scuola tutta. Richiamando l’attenzione ai compiti della scuola, non si può più ignorare l’importanza di educare all’intelligenza emotiva, e non solo a quella cognitiva. A questo sono chiamati sempre più insistentemente i formatori e le famiglie, perché si possa vivere la scuola come comunità di apprendimento cooperativo, di educazione al conflitto e alle emozioni. Un libro che è anche una sfida, perché una scuola estranea alle dinamiche emozionali non serve alla vita, non serve all’umanità, semplicemente è inutile.

AUTORE: Mario Polito
EDITORE: La Meridiana

Cos'è l'advocacy nella tutela minorile. Guida per educatori e assistenti sociali  

Thursday, August 09, 2012

L’advocacy consiste nel rappresentare il punto di vista e i diritti dell’utente, sostenendolo nel partecipare alle decisioni che lo riguardano. Quando gli utenti in questione sono minorenni, in molti casi non vengono coinvolti per il desiderio di proteggerli, perché li si considera troppo fragili e non ancora in grado di esplicitare il proprio punto di vista.
Invece, sostenere il minore nell’esprimere ciò che sente è già un modo per aiutarlo, anche quando le sue opinioni sono in contrasto con quelle di chi è tenuto decidere per lui. Inoltre, comprendere il suo punto di vista è fondamentale per progettare interventi che siano davvero efficaci. Ma come garantire il diritto dei più piccoli a partecipare ai processi decisionali che li riguardano? Nonostante la sua importanza, in Italia l’advocacy viene poco praticata, e per nulla concettualizzata, per lo meno a livello di singole situazioni problematiche. In questo libro, due delle massime esperte internazionali in materia approfondiscono gli elementi fondamentali di quella che potrebbe divenire una funzione fortemente innovativa per gli operatori sociali e i servizi del nostro Paese.

AUTORE: Jane Boylan e Jane Dalrymple – Edizione italiana a cura di Valentina Calcaterra
EDITORE: Erickson

Ho un sogno per mio figlio. Sette passi per educare 

Thursday, July 19, 2012
Nel suo ultimo libro "Ho un sogno per mio figlio. Sette passi per educare" (edizioni la meridiana, collana partenze, pp. 152, Euro 16,50) l’autore Roberto Gilardi – coadiuvato dalle bellissime comic strip di Franco Portinari in arte Portos – si interroga sul senso dell’educazione nell’attuale società in cui ai genitori vengono proposti i più disparati corsi di formazione, dalla psicobiologia alla programmazione neurolinguistica passando per l’analisi transazionale, e al contempo ci sono bambini che a quattro anni hanno ancora il pannolino addosso o a otto anni non sanno allacciarsi le scarpe.
È vero, oggi la la famiglia è cambiata. Non è cambiata però la domanda che la inchioda al suo ruolo: cosa significa educare oggi? E come si può e deve educare affinchè i ragazzi siano in grado di dare un senso alla loro vita e di affrontarla in autonomia? La risposta dell’autore, formatore e docente del metodo Kaloi, è che talvolta ci voglia solo un po’ di buon senso. E che sia fortemente necessario che i genitori riprendano il proprio ruolo di educatori: non essere amici dei propri figli ma, appunto, i loro genitori, i loro educatori.
La risposta dell’autore è presentata sotto forma di sette passi per educare: un percorso che segue lo sviluppo cronologico della relazione educativa genitore-figlio, nel rispetto dell’età e delle attenzioni particolari, a partire dalla nascita, facendo emergere per ogni step le contraddizioni e le esasperazioni, ma anche le finalità profonde di ciascuna fase.
 
AUTORE: di Roberto Gilardi
 
EDITORE: La Meridiana

Le crisi dell'adozione. Rappresentazioni ed esperienze di operatori, genitori e ragazzi 

Thursday, July 12, 2012

Questo libro è un esempio delle opportunità che la ricerca progettata e sviluppata nelle Università offre agli amministratori, ai professionisti del settore sociosanitario e ai cittadini e ci suggerisce come numerose altre occasioni proficue per lo scambio di conoscenze e riflessioni debbano essere promosse e realizzate. Infatti, se uno degli imperativi del nostro tempo è che gli operatori dei servizi devono fare rete, è necessario che dispongano anche di occasioni di riflessività in quanto rete.

 

COLLANA: 
LINEA EDITORIALE: Ricerca 
A CURA DI: 
ISBN: 978-88-96142-04-2
ANNO: 2011

Fonte: Osservatorio Regionale Politiche Sociali

La Psicantria. Manuale di psicopatologia cantata 

Monday, July 09, 2012

«L’idea di realizzare un ‘Manuale di psicopatologia cantata’ è nata dall’intenzione di ‘trasformare’ la nostra professionalità e le nostre conoscenze in canzoni, nel tentativo d’integrare il mondo musicale con la complessità del sistema psichiatria/sofferenza mentale, a cui diamo il nome di ‘psicomondo’»: spiegano così l’originale progetto de La Psicantria. Manuale di psicopatologia cantata pubblicato dalle edizioni la meridiana nella collana premesse (pp. 192 + cd, Euro 28,00).
Gli autori Gaspare Palmieri e Cristian Grassilli attraversano la malattia e la sofferenza mentale, i disturbi più diffusi (dall’anoressia al disturbo bipolare, dalla schizofrenia alla depressione, dai disturbi ossessivo-compulsivi alle personalità borderline) con compiutezza scientifica e provata esperienza sul campo – Gaspare Palmieri è psichiatra e psicoterapeuta con dottorato di ricerca in psicobiologia dell’uomo, Cristian Grassilli è psicologo, psicoterapeuta e musicoterapeuta – poi per ognuno di questi disturbi, sulla base delle loro professionalità e conoscenze specifiche anche in ambito musicale, presentano una canzone: Jessica l’anoressica, Lo schizofonico, Il cowboy bipolare, Cara depressione…
La canzone, infatti, attraverso il testo, la musica e l’interpretazione, ha il pregio dell’immediatezza comunicativa, raggiungendo anche i non esperti in materia psichiatrica. Il manuale, invece, analizza tecnicamente i singoli disturbi, di cui viene offerta una scheda informativa accurata e la testimonianza diretta di un protagonista del disturbo stesso.
Si tratta di una proposta editoriale “sperimentata” in quanto i curatori del volume hanno sperimentato sul campo se partendo da una canzone o arrivando a una canzone si possono aiutare il paziente, il malato, e chi con lui/lei attraversa la sofferenza. L’uso dell’ironia nelle canzoni, ciascuna con un proprio stile musicale preciso, ha l’obiettivo «di sensibilizzare gli ascoltatori alla problematiche connesse alla psiche, alla sua normalità e alla sua anormalità, con la speranza di promuovere un incremento della consapevolezza tra chi quotidianamente vive queste situazioni (pazienti, familiari e operatori) e stimolare la curiosità sull’argomento nelle persone estranee al mondo delle “psicocose”».

AUTORE: Gaspare Palmieri e Cristian Grassili. Introduzione di Francesco Guccini
EDITORE: La Meridiana

La tutela dei minori. Nuovi scenari relazionali 

Monday, July 09, 2012
La tutela dei minori è l’ambito dei servizi sociali maggiormente controverso, in cui più spesso le decisioni dei professionisti (assistenti sociali, psicologi, educatori, magistrati, insegnanti e operatori sanitari) sono oggetto di polemiche. È anche l’ambito in cui gli operatori si sentono particolarmente gravati dalla complessità delle situazioni, dalla sensazione di impotenza, dal dilemma di conciliare controllo e aiuto/recupero. Questo libro apre la speranza a uno scenario diverso: lavorare in un altro modo è possibile, e ci sono varie sperimentazioni che indicano una strada promettente.
Il volume, nato dall’esperienza raccolta nel Convegno internazionale «La tutela dei minori» del 2010 ha come filo conduttore la metodologia relazionale. Propone contributi dei maggiori esperti italiani e internazionali del settore, accanto a riflessioni operative elaborate da chi lavora sul campo. Vengono illustrate alcune esperienze di punta del tutto nuove per il panorama italiano: la strutturazione di processi decisionali centrati sulle famiglie, le esperienze di auto/mutuo aiuto tra genitori con provvedimenti tutelari, la funzione di advocacy (di portavoce) a favore del bambino.
La quarta edizione del convegno «La tutela dei minori» si terrà a Riva del Garda dal 8 al 10 novembre 2012. Per maggiori informazioni vai su www.erickson.it
 
AUTORE: Pierpaolo Donati, Fabio Folgheraiter, Maria Luisa Raineri (a cura di)
EDITORE: Erickson
 

 

Page 2 of 4 << < 1 2 3 4 > >> 
Site Map | Printable View | © 2011 - 2017 ORDIASVENETO | Privacy e Cookie | HTML 5 | CSS | Powered by Intermedia